Il bullismo: che cos’è, caratteristiche e modalità di intervento

Che cos’è il bullismo?

Volendo dare una definizione manualistica di che cos’è il bullismo, è un abuso sistematico di potere tra compagni di scuola.

Il bullismo è tale per alcune caratteristiche che progressivamente sono state messe in rilievo (Olweus, 1999; Menesini, 2000): è un’azione intenzionale e reiterata nel tempo da parte del bullo nei confronti della vittima, di tipo aggressivo sia sul piano fisico (calci, pugni…) e verbale (offese, minacce…) che psicologico, tramite l’esclusione o la diffamazione. Molto spesso è una interazione asimmetrica, di disequilibrio e di forza tra il bullo e la sua vittima.

E il cyberbullismo?

E’ un atto aggressivo, intenzionale, agito, attraverso l’utilizzo di smartphone, tablet e tutti i dispositivi mobili, con i quali si possono diffondere tramite internet o sms, immagini, video e notizie riguardanti una persona a sua insaputa ad un pubblico vasto. L’aggressore in forma anonima agisce intenzionalmente per nuocere la vittima, che non può facilmente difendersi, ad esempio con l’invio di un’immagine umiliante.

Le ricerche condotte in Italia hanno portato ad individuare alcune caratteristiche psicologiche del bullo e della vittima, differenziandone le tipologie (Menesini, 2003):

Le tipologie di bullo sono:

  1. Il bullo dominante: è per lo più maschio, più forte fisicamente o psicologicamente rispetto ai compagni. Ha un’elevata autostima ed è favorevole all’uso della violenza. Ritiene che con l’aggressività si possa ottenere ciò che si vuole, tendendo a giustificare il proprio comportamento con indifferenza ed ha una scarsa empatia nei confronti degli altri.
  2. Il bullo gregario: è tipicamente ansioso, poco popolare nel gruppo e insicuro. tende a farsi trascinare nel ruolo o a sostenere il bullo per poter affermarsi all’interno del gruppo.
  3. Il bullo-vittima: è definita anche vittima aggressiva o provocatrice, pur subendo le prepotenze dei compagni, agisce aggressivamente (Olweus, 1993). Spesso si tratta di un bambino emotivo, irritabile e con una difficoltà nella gestione delle proprie emozioni, ha atteggiamenti provocatori e iperattivi di fronte agli attacchi dei compagni.

Le tipologie di vittima sono:

  1. La vittima passiva: è un ragazzo tendenzialmente passivo, calmo, sensibile e contrario all’uso della violenza e se maschio, più debole fisicamente. La sua modalità ansiosa o sottomessa, segnala ai bulli la sua insicurezza e la difficoltà nel reagire (Menesini, 2003).
  2. La vittima provocatrice: è un ragazzo che con il suo comportamento irrequieto, iper-attivo e irritante, provoca gli attacchi del bullo contrattaccando. Caratterizzato da scarsa autostima e un’opinione negativa di sè e delle proprie competenze e nel riconoscimento delle proprie emozioni (Menesini, 2003).

Il bullismo nella scuola primaria

Molto spesso c’è il pregiudizio nel riconoscere che il bullismo sia presente nella scuola primaria, anche da parte degli  stessi operatori del settore socio-educativo.

I compagni più deboli, i ragazzi appartenenti ad un’altra etnia e altri gruppi di minoranza, sono le vittime prese di mira. Un’altra categoria di studenti, oggetto di prevaricazioni e derisioni, sono i ragazzi il cui comportamento non è tipico dell’identità di genere. In questi casi è estremamente importante fare attenzione in quanto il bullismo coincide con la molesti sessuale (Menesini, 2003).

Lavorando in questo contesto, molto spesso mi è capitato di sentir dire che non si trattava di bullismo, ma semplicemente

“E’ una scaramuccia tra ragazzini!”

“Sono cose che possono capitare!!”

Gli episodi di bullismo avvengo nelle aule, nei corridoi, nei bagni della scuola, in cortile. In genere i bulli appartengono alla stessa classe della vittima o a classi superiori.

Perché è importante occuparsi del bullismo, ci sono ripercussioni a lungo termine?

Le vittime di bullismo sono affette da diversi tipi di disagi, quali la solitudine, la depressione, l’ansietà, l’insicurezza, la bassa autostima e un’eccessiva passività nelle relazioni sociali. Alcuni studi effettuati a lungo termine condotti da Olweus (1993) hanno riscontrato che c’è una non trascurabile capacità di recupero in età adulta, nei casi in cui non si è fatto alcun tipo di intervento riparativo, anche componenti di ansia e di insicurezza tipiche dei soggetti vittime di violenza e un elevato rischio di sviluppare tendenze depressive (Menesini, 2003).

Si può intervenire in modo preventivo?

Una ricerca condotta su un campione di adolescenti (Gini, Albiero, Benelli, 2005) ha mostrato come i ragazzi aggressivi, il bullo e i suoi sostenitori, hanno una bassa capacità empatica rispetto ai compagni non aggressivi. Nelle vittime Il livello di empatia è più elevato e, ancor più, nei compagni che assumono il ruolo di difensori della vittima, sono caratterizzati da alti livelli di comportamento prosociale e di aiuto.

il ruolo dell’empatia nel bullismo

I bassi livelli di empatia nel bullo, non permettono di anticipare le reazioni e quindi le emozioni che possono produrre nell’altro, il suo comportamento aggressivo.

Le vittime hanno bassi livelli di efficacia sociale, nell’area dell’efficacia assertiva e di quella scolastica.I bulli hanno una difficoltà rispetto all’efficacia scolastica e regolatoria, mentre hanno un senso di autoefficacia complessivamente positivo nell’area dell’autoefficacia assertiva e sociale.

l’autoefficacia è così importante?

Il bullo ha un buon senso di autoefficacia nella sfera delle relazioni sociali e quindi si sentono più spigliati e in grado di ricoprire il ruolo appunto da leader, mentre la vittima ha una bassa autoefficacia in questa sfera, che lo porta generalmente ad avere un atteggiamento più remissivo.

Questo significa che l’emapatia e l’autoefficacia sono fattori protettivi all’insorgere delle caratteristiche che possono determinare il ruolo di bullo e di vittima.

Come intervenire

Nell’ottica del mio approccio umanistico integrato, il focus del lavoro è volto ad aumentare la consapevolezza di sè e della scoperta delle proprie emozioni e quindi della loro gestione, soprattutto per quanto riguarda le emozioni di Tristezza e Rabbia, che molto spesso sono la causa di problematiche varie. La modalità di intervento si esplica mediante due tipologie di intervento diverse:

  1. E’ un intervento strutturato per le scuole mediante un progetto volto al coinvolgimento di tutti gli attori coinvolti, quindi con degli incontri per gli insegnanti, degli incontri di classe per gli alunni e degli incontri di gruppo per i genitori basati sul sostegno alla genitorialità. Questi incontri vertono su tematiche rivolte alla gestione del conflitto e allo sviluppo della comunicazione efficace.
  2. E’ un’intervento rivolto alle famiglie che si trovano in difficoltà nella gestione dei propri figli all’interno dell’ambiente scolastico. Il percorso è rivolto alla coppia genitoriale che si ritrova ad affrontare dinamiche nuove e disfunzionali del figlio/a che si ripercuotono sull’intero sistema.

 


Bibliografia

Genta M. L. (2017), “Bullismo e cyberbullismo. Comprenderli per combatterli. Strategie operative per psicologi, educatori ed insegnanti”. FrancoAngeli, Milano.

Gini G., Albiero P., Benelli B., (2005), “Relazione tra bullismo, empatia ed autoefficacia percepita in un campione di adolescenti”. Psicologia clinica dello sviluppo. Il Mulino, Bologna.

Menesini E. (2003), “Bullismo: le azioni efficaci della scuola. percorsi italiani alla prevenzione e all’intervento“. Erickson, Trento.

Olweus D. (1999), Sweden. In P.K. Smith, Y. Morita, J. Junger-Tas, D. Olweus, R. Catalano e P. Slee (a cura di), “The Nature of school bullying. A cross national perspective”. London, Routledge.

Quali Sono Le Emozioni “Positive”? Qual È Il Loro Potere?

L’interesse nei confronti delle emozioni, e più in generale nei confronti della vita affettiva, ha origini dall’antica Grecia.

Platone considerava le emozioni importanti quanto la ragione e i bisogni fisici di base, Aristotele le considerava tendenze biologiche di base nell’esperienza affettiva (Averil, More, 1993), analizzando la relazione tra convinzioni ed emozione, concezioni oggi riprese dalle attuali teorizzazioni (Lazarus, 1999).

Cos’è un’emozione?

Le emozioni sono stati affettivi intensi e di breve durata, hanno una causa precisa scatenante, che può essere sia interna che esterna, con un contenuto cognitivo definito. Le emozioni hanno un inizio, una durata e una fase di attenuazione caratterizzata dalle espressioni facciali e il relativo comportamento adattivo (D’Urso, Trentin, 2006).

Alcuni studiosi sostengono che ci siano 2 stati emotivi di base, felicità e tristezza (Weiner, Graham, 1984); altri sostengono che ci siano 9 o più emozioni di base. Queste divergenze hanno portato alcuni ricercatori a rifiutare completamente il concetto delle emozioni di base (Averill, 1994; Shweder, 1994).

Gli studi sulle emozioni

Lo studio delle emozioni presenta differenti modelli e all’interno dell’approccio categoriale le emozioni positive, più frequentemente annoverate tra le emozioni primarie, sono due: gioia e sorpresa (Tomkins, 1962; Plutchik, 1995). I modelli dimensionali classificano le emozioni positive sulla base di due dimensioni: attivazione/disattivazione e piacevolezza/spiacevolezza o valenza edonica (Russell e Feldman Barrett, 1999). La gioia e la felicità sono emozioni specifiche degli stati positivi, ovvero in assenza di emozioni negative (Fredrickson, 1998; Seligman e Csikszentmihalyi, 2000; Sheldon e King, 2001; Fredrickson e Cohn, 2008).

Di cosa sono fatte le emozioni “positive”?

Oltre ai modelli già citati per lo studio delle emozioni, Ciceri (2015) pone l’accento sulle ricerche che si sono proposte di individuare le componenti specifiche delle emozioni “positive”.

Tutte le emozioni sono in realtà utili e positive, ma comunemente definiamo “positive” quelle piacevoli, mentre “negative” quelle più scomode come rabbia e tristezza.

Alcune ricerche hanno esaminato i resoconti verbali di esperienze soggettive, da cui sono stati estratti fattori o dimensioni caratterizzanti. Da questi studi (Watson et al., 1999; Tellegen, Watson e Clark, 1999; Argyle e Crossland, 1987; Tong, 2007) sono emerse quattro componenti, presenti in tutte le emozioni positive, seppur in gradi diversi:

  • la concentrazione o assorbimento;
  • il senso di potenza o raggiungimento di un obiettivo;
  • l’altruismo, o messa in atto di risposte a esigenze sociali;
  • la spiritualità, intesa come ciò che rende le esperienze serie e profonde, sperimentando un senso di soddisfazione totale e di pienezza.

Cos’è la gioia?

Shiota e collaboratori (2014) individuano che emozioni quali la gioia, la contentezza, il rilassamento, sono esperite dalla percezione di aver raggiunto uno scopo e nell’aver conquistato una ricompensa, che può essere intrinseca o esterna al soggetto.

Al contrario del piacere che deriva dal soddisfacimento di un bisogno, le emozioni, in particolare quelle della famiglia della gioia,

vengono attribuite ad una esperienza positiva diversa e più duratura, che si genera quando si va oltre il raggiungimento dell’omeostasi (appagamento), favorendo la crescita personale fino al raggiungimento di una situazione positiva a lungo termine (Ciceri, 2015).

Dall’esperienza emotiva scaturisce la tendenza all’azione: l’avvicinamento, per esempio, coinvolge l’individuo a livello fisico, mentale e comportamentale (Ciceri, 2015).

La gioia, spesso chiamata anche felicità, porta ad una vicinanza all’oggetto che induce attrazione ed interesse. Questa emozione porta all’apertura e all’esplorazione dell’ambiente e degli individui presenti. Un’espressione tipica dell’esplorazione gioiosa è il gioco, che induce a scoprire l’ambiente senza uno scopo, nel senso più ampio del termine, coinvolgendo aspetti fisici, sociali, intellettuali ed artistici (Ciceri, 2015).

Le altre emozioni positive: interesse, euforia, stupore, tenerezza, sollievo

L’interesse spiega la propensione all’apprendimento e all’esplorazione attiva (Lazarus, 1991). L’interesse è tra le emozioni positive con un’alta attivazione e capacità di controllo, nonostante abbia una valenza edonica minore rispetto alle emozioni della gioia, euforia e del divertimento (Ciceri, 2015). Alcuni studi effettuati sull’interesse (Ryan e Deci, 2000) hanno messo in evidenza che

mentre viene svolta un’attività, l’interesse ha una funzione stimolante sulla durata del coinvolgimento, sulla volontà a ripetere tale attività e sullo sviluppo delle competenze impiegate.

L’interesse favorisce l’individuo nella comprensione del testo e nel ricordare il materiale esaminato, tanto maggiore è l’interesse per il testo (Silvia, 2001, 2005, 2006). L (2002) attua una trasformazione corporea per cui

l’individuo si sente fuori dal mondo.

Il corpo è attivato e ne deriva una spinta a comunicare all’altro ciò per cui l’emozione si è scatenata (Ciceri, 2015).

Lo stupore (meraviglia, incanto) induce ad una tendenza all’azione mentale, intesa come riflessione, contemplazione, coinvolgimento. Lo stupore e le emozioni semanticamente vicine, sono sostanzialmente dirette verso oggetti che suscitano nell’individuo una prima fase di inattività sospesa, che può prevedere momenti di apnea che favoriscono la contemplazione (Ciceri, 2015). L’oggetto esterno è valutato eccezionale per la sua bellezza (esperienza estetica), per la sua maestosità o intrinseca piacevolezza. Schindler, Peach e Lowenbruck (2014) parlano di ammirazione e adorazione come una declinazione sociale della meraviglia. L’ammirazione porta ad avvicinarsi alla persona ammirata per costruire una relazione significativa.

Il Sollievo, la tranquillità, la serenità conducono l’individuo ad un comportamento basato sull’inattività (Frijda, 1989). Ellsworth e Smith (1988) lo definiscono come, «non fare nulla». Per questa famiglia di emozioni non c’è la tendenza all’azione, è uno stato di calma mentale (Ciceri, 2015).

La serenità facilita l’apertura e la propensione al prendersi cura dell’altro (De Rivera, Lois e Julie, 1989),

è un’emozione che spinge l’individuo a gustare la quotidianità, sperimentando unità e attribuzione di un senso attorno a sé (Ciceri, 2015).

La tenerezza, l’innamoramento sono una dimensione emotiva che fa ampliare il repertorio esplorativo dell’individuo nel momento in cui conosce, gusta o gioca con la persona o con l’essere vivente con cui intrattiene una interazione (Ciceri, 2015).

Le emozioni positive portano ad una più ampia visione delle situazioni.

Per tutti questi motivi capite bene quando sia importante generare in noi e nei nostri pazienti delle emozioni “positive”! 


Bibliografia

Averill, J.R., (1994). In the eyes of the beholder. In Ekman, P., Davidson, R.J. (a cura di), The Nature of Emotion: Fundamental Questions. Oxford University Press, New York, pp. 7-14.

Averill, J.R., More, T.A. (1993). Happiness. In Lewis, M., Haviland, J.M. (a cura di), Handbook of Emotions. Guilford, New York, pp. 617-629.

Argenton, A. (1998). Emozione estetica. In V. D’Urso, R. Trentin (a cura di), Introduzione alla psicologia delle emozioni,Laterza, Bari.

Argyle, M., & Crossland, J. (1987). The dimensions of positive emotions. British Journal of Social Psychology, 26, 127-137.

Barenbaum, H. (2002). Varieties of joy-related pleasurable activities and feelings. Cognition and Emotion, 16(4), 473- 494.

Ciceri M. R. (2015). Emozioni positive e benessere psicologico. «Ricerche di Psicologia», n. 1, pp. 141-153.

De Rivera, J., Lois, P., Julie, V.A. (1989). Distinguishing elation, gladness, and joy. Journal of Personality and Social Psychology, 57(6), 1015-1023.

D’Urso V., Trentin R., (2006). Introduzione alla psicologia delle emozioni. Laterza, Bari.

Ellsworth, P.C, Smith, C.A. (1988). Shades of joy: Patterns of appraisal differentiating pleasant emotions. Cognition and Emotion, 2, 301-331.

Fredrickson, B.L., (1998). What good are positive emotions?. «Review of General Psychology», vol. 2, n. 3, pp. 300-319.

Fredrickson, B.L., Cohn, M.A. (2008). Positive emotions. In M. Lewis, J.M. Haviland-Jones & L. Feldman Barrett (Eds.) Handbook of Emotions (pp.777-796). New York: The Guilford Press.

Frijda, N.H., Kuipers, P., Schure, E. (1989). Relations among emotion, appraisal, and motional action readiness.Journal of Personality and Social Psychology, 2, 212- 228.

Lazarus, R.S. (1991). Emotion and adaptation. New York: Oxford University Press.

Lazarus, R.S. (1999). The cognition-emotion debate: A bit of history. In Dalgleish, T., Power, M. (a cura di), Handbook of Cognition and Emotion. Wiley, Chichester, UK, pp. 3-19.

Plutchik, R. (1995). Psicologia e biologia delle emozioni. Torino: Bollati Boringhieri.

Ryan, R.L., Deci, E.L. (2000). Self-determination theory and the facilitation of intrinsic motivation, social development, and well-being. American Psychologist, 55, 68-78.

Russell, J.A., Feldman Barrett, L. (1999). Core affect, prototypical emotional episodes, and other things called emotion: Dissecting the elephant. Journal of Personality and Social Psychology, 76, 805-819.

Seligman, M.E.P., Csikszentmihalyi, M. (2000). Positive Psychology: An Introduction. American Psychologist, 55(1), 5-14.

Schindler, I., Paech, J., Löwenbruck, F. (2014). Linking admiration and adoration to self-expansion: Different ways to enhance one’s potential. Cognition and Emotion, 29(2), 292- 310.

Sheldon, K.M., King, L. (2001). Why Positive Psychology is necessary. American Psychology, 56, 216-217.

Shweder, R.A. (1994). You’re not sick, you’re just in love’: Emotion as an interpretive system. In Ekman, P., Davidson, R.J. (a cura di), The Nature of Emotion: Fundamental Questions. Oxford University Press, New York, pp. 32-44.

Shiota, M.N., Neufeld, S.L., Danvers, A.F., Osborne, E.A., Sng, O., Yee, C.I. (2014). Positive emotion differentiation: A functional approach. Social and Personality Psychology Compass, 8(3), 104-117.

Silvia, P.J. (2001). Interest and interests: The psychology of constructive capriciousness. Review of General Psychology, 5, 270-290.

Silvia, P.J. (2005). What is interesting? Exploring the appraisal structure of interest. Emotion, 5, 89-102.

Silvia, P.J. (2006). Exploring the psychology of interest. New York: Oxford University Press.

Tellegen, A., Watson, D., Clark, L.A. (1999). On the dimensional and hierarchical structure of affect. Psychological Science, 10, 297-303.

Tomkins, S. (1962), Affect Imagery Consciousness: Volume I, The Positive Affects. London: Tavistock.

Tong, E.M.W. (2007). Appraisal processes in emotional experiences. Dissertation Abstract International: Section B: The Sciences and Engineering, 67, 4161.

Watson, D., Wiese, D., Vaidya, J., Tellegen, A. (1999). The two general activation systems of affect: Structural findings, evolutionary considerations, and psychobiological evidence. Journal of Personality and Social Psychology, 76, 820-838.

Weiner, B., Graham, S. (1984). An attributional approach to emotional development. In Izard, C.E., Kagan, J., Zajonc, R.B. (a cura di), Emotions, Cognition, and Behavior. Cambridge University Press, New York, pp. 167-191.

Nella Mia Terapia Non C’è Solo La Rabbia

Nella mia terapia individuale non c’è solo la rabbia, pianto e sofferenza. Con la mia terapeuta, affrontiamo temi anche piacevoli.

La terapia fa male

Ho iniziato il mio percorso individuale con molta serenità, pensando che tutto sommato funzionassi bene e che non avevo bisogno di grandi stravolgimenti. Un giorno arrivo alla mia seduta e mi ritrovo a parlare di quello che stavo provando e che erano giorni che piangevo. Un evento ha fatto sì che il vaso di Pandora si aprisse, e da quel momento ho iniziato a provare dei sentimenti che non riuscivo a confinare e contenere.

“La favola che mi ero raccontata durante la crescita non vale più.”

Emozioni e sentimenti che riaffioravano, che non ho voluto portate in figura prima ed ora nel momento in cui l’ho fatto, ho iniziato a stare male e soffrire. Ho capito che volesse dire quando le persone che mi raccontavano della loro terapia “faceva male”.

“E adesso che succede? Quanto ancora devo soffrire?”

Man mano che sono andata in seduta ed ho affrontato i miei vissuti passati, questi sono diventati ricordi, per i quali ora riesco a gestirne le emozioni e di cui riesco a parlarne senza avere la voce rotta e con le lacrime pronte a scivolare sulle guance.

 

Andare in terapia non vuol dire solo soffrire

Passato questo momento doloroso, di esplorazione, metabolizzazione e di consapevolizzazione, iniziano delle sedute diverse. Quando mi siedo inizio a parlare di come mi sento nel qui e ora. L’approccio umanistico integrato, come altri, incentra il lavoro terapeutico con il paziente esplorando quello che c’è nel momento in cui si sta svolgendo la relazione (Giusti, Pagani, 2014).

E ora in terapia che si fa?

Per me è iniziata una fase nella quale non necessariamente si va nel profondo per effettuare un intervento di ristrutturazione della personalità (Giusti, Montanari, Iannazzo, 2004).

Io e la mia Terapeuta, Anna

La mia terapeuta, Anna, mi ha suggerito di leggere il libro di Frisch (2000), il quale ha ideato un tipo di terapia incentrato sulla qualità di vita definendo gli ambiti nei quali le persone trovano maggiore soddisfazione e appagamento: salute fisica, auto-stima, filosofia di vita (scopi e valori), standard di vita, tipo di lavoro, attività di svago, specializzazioni di interesse sia lavorative che non, creatività, supporto e aiuto agli altri, relazioni intime, amicizia, relazioni con bambini propri e altrui, relazioni con i familiari, abitazione, ambiente e luogo in cui si vive.

Con mio grande piacere affronto anche tematiche che rinforzano la mia autostima, il mio senso di autoefficacia. Sto imparando a riconoscere i miei “successi” a livello personale, i piccoli passi che faccio sono a tutti gli effetti delle conquiste, che sono di volta in volta rinegoziate sulla base delle mie esperienze e dei miei cambiamenti.

Affronto temi che mi rilassano

Non è detto che la terapia porti ad un cambiamento solo attraverso il dolore, allo straziante vissuto del passato che ci ha fatto soffrire. Il cambiamento avviene nell’emotività e in questa esistono anche le mozioni positive, la gioia, l’interesse, l’armonia e l’amore (Fredrickson, 1998). Sono queste le emozioni che rafforzano le convinzioni di autoefficacia (Bandura, 2000), sapere di potercela fare e poter andare avanti nonostante gli ostacoli e le difficoltà.

Negli ultimi anni il numero crescente di studi sulle emozioni positive, dimostra che queste costituiscono un costrutto con peculiarità e finalità adattive sul potenziamento del benessere dell’individuo sul piano fisico, cognitivo e sociale (Ciceri, 2015). Durante una seduta mentre io e la mia terapeuta parlavamo dello svolgimento dei nostri incontri, mi dice:

“Roberta, la vita è fatta di cose belle e di cose brutte e per la terapia è lo stesso!”

Un percorso in evoluzione

Un’evoluzione che mi ha portato a prendere un po’ cura di me e mi sta aiutando ad apprezzare di più quello che ho, che faccio e soprattutto chi sono, Roberta.

 


Bibliografia

Bandura A., (2000). Autoefficacia. Teoria e applicazioni. Erickson.

Ciceri M. R., (2015). Emozioni positive e benessere psicologico. «Ricerche di Psicologia», n. 1, pp. 141-153.

Fredrickson, B.L., (1998). “What good are positive emotions?”«Review of General Psychology», vol. 2, n. 3, pp. 300-319.

Frisch Michael B., (2000). Psicoterapia integrata della qualità della vita. Sovera, Collana di Edoardo Giusti.

Giusti E., Montanari C., Iannazzo A., (2004). Psicoterapie integrate. Piani di trattamento per psicoterapeuti a breve, medio e lungo termine. Masson, Milano.

Giusti E., Pagani A., (2014). Il Counseling Psicologico. Sovera, Roma.

Come Ho Riscoperto La Mia Rabbia E Come La Uso A Mio Vantaggio

Sono Roberta, una psicologa al primo anno di specializzazione.
Sto facendo amicizia con la mia rabbia.

Non far soffrire la mamma

Sono una ragazza socievole ed emotiva. Sono cresciuta in una famiglia “sana ed equilibrata”, dove tuttavia mi è stato passato il messaggio, in modo inconsapevole, che non è bello arrabbiarsi: da piccola mi veniva detto:

“Non fare così altrimenti mamma ci resta male.”

In adolescenza, quando ero nel pieno dell’affermazione di me stessa e volevo esprimere le mie ragioni mi veniva detto:

Sembri un’isterica.”

Ho iniziato così a non esprimere liberamente la mia rabbia, imparando a contenere e controllare le mie reazioni e al contempo urlare per far sentire le mie ragioni.

Io da bambina

Ingoiare la rabbia e disturbi psicosomatici

Passata così la mia adolescenza ad acquietare i miei istinti per assecondare la mia famiglia, ora mi ritrovo a chiedermi:

“Quali e dove sono le mie vere emozioni? E questa mia rabbia? Che cos’è? Che ci faccio?”

Infatti arriva un momento della vita in cui il nostro “adattamento”, per ragioni diverse, inizia a vacillare, e quello che abbiamo tanto imparato a controllare si presenta sotto forme che spesso non sappiamo riconoscere, come i disturbi psicosomatici: l’ulcera duodenale, il pilorospasmo e la colite, dermatite, ipertensione, incrementi parossistici della frequenza cardiaca e mal di testa, aggravati da stati di eccitazione emotiva (Beck, 1984).

Io da adolescente

Grazie alla terapia scopro le emozioni “negative”

Secondo Ekman e Rosenber (1997) attraverso l’associazione degli stati affettivi con le relative espressioni emozionali, le persone sono in grado di riconosce le emozioni.

Bene, per me non è stato così, perché solo quando ho iniziato la mia terapia individuale ho tolto un velo di patina che avevo posto sulla mia emotività.

La mia terapeuta mi ha accompagnata in questo percorso di scoperta di me stessa e delle mie emozioni, facendomi scoprire la possibilità di contattare anche quelle emozioni che in letteratura sono chiamate “emozioni negative” (Fredrickson, 1998).

Ho avviato un contatto con me stessa, grazie al quale oggi inizio a permettermi d’essere triste per le ferite che oggi sono cicatrici e a contattare e riconoscere la mia rabbia:

la rabbia per le ferite della bambina che è in me e a cui non ho potuto dare voce.

La rabbia per tutte le volte che non mi sono sentita ascoltata e compresa, e la rabbia che oggi sento per l’aggressione traumatica subita e con cui sto facendo ancora i conti.

Dove sono ora?

Oggi posso affermare che le situazioni che sono state per me fonte di delusione e di rabbia hanno iniziato a dare una svolta alla mia vita, perché è nell’emotività che si effettua il cambiamento.

Ho ancora molto su cui lavorare ma con l’aiuto giusto sto sperimentando che anche se la rabbia è un’emozione negativa può diventare un mezzo potente e un grande conduttore di energia da trasformare in modo costruttivo e sano.

Con la terapia individuale sento che sto andando nella giusta direzione e che mai come in questo momento mi sono sentita così autentica e libera.


Bibliografia

Beck, Aron T., (1984). Principi di terapia cognitiva. Un approccio nuovo alla cura dei disturbi affettivi. Astrolabio Ubaldini.

Caprara, G.V., (2001). La valutazione dell’autoefficacia. Costrutti e strumenti. Erickson (a cura di).

Ekman, P., (1992). Are there basic emotion?”. « Psychological Review», n. 99, pp. 550-553.

Ekman, P., Rosenberg, E., (1997). What the Face Reveals: Basic and Applied Studies of Spontaneous Expression Using the Facial Action Coding System. Oxford University Press, New York.

Fredrickson, B.L., (1998). What good are positive emotions?”. «Review of General Psychology», vol. 2, n. 3, pp. 300-319.

WhatsApp chat